Category: Vita Vissuta

Una Semplice Parola.

Una Semplice Parola.

Sentivo semplicemente il bisogno di scrivere e per la prima volta, non per me stessa, e forse neanche per te, non lo so perchΓ¨, davvero non lo so, ma a volte il rumore dei tasti e i pensieri che riescono ad essere cosΓ¬ fluenti all’improvviso mi aiutano tanto e allora scrivo e scrivo senza interruzioni, forse senza punti forse qualche virgola, non lo so perchΓ¨ non sto neanche controllando, non sto neanche correggendo.
Sai, tu sei la prima persona che va via. Nel senso che va via davvero, nel senso che devo abituarmi all’idea che tu non ci sia piΓΉ, a volte mi sembra una cosa naturale, spesso mi ero detta che sarebbe successo prima o poi, spesso avevo cercato di prepararmi a questa eventualitΓ , e credevo davvero di esser pronta. ma poi, sei stato male, io non potevo venire per un esame del cazzo e mi ero ripromessa che finito questo esame sarei venuta ogni giorno da te e cosΓ¬ ho fatto, forse non ogni giorno ma a giorni alterni, Γ¨ che mi faceva male nonno vederti in quel letto, per quanto facevo la forte mi faceva male davvero e uscivo da li con l’idea di averti perso giΓ , guardavo i tuoi occhi, assaporavo ogni secondo, tenevo in mente ogni singola ruga della tua fronte e del volto. Il tuo modo di fare,, la tua forza nonostante anche tu sapessi cosa stava succendo, e stavo male a vederti, ma ero li perchΓ¨ era giusto, perchΓ¨ non potevo non esserci, ed ero forte per te, per me, un giorno poi, ti ho visto che stavi BENE, mi hai parlato mi hai detto “Gioia!” sai come fai tu? Con le sopracciglia che si alzano, la bocca che si curva in un sorriso e gli occhi che si illuminano. ecco proprio cosΓ¬ e io mi sono accorta che la mia felicitΓ  quel giorno dipendeva da come stavi tu, che per quanto potevo esser forte per quanto ero pronta ma quelle parole con quella mimica mi hanno resa felice dentro nell’anima.
E sono tornata a casa che avevo un flusso di parole di gioia di adrenalina che diceva “Non ancora, lui Γ¨ qui Γ¨ ancora qui e ce la fa!!!!”
Sono venuta anche le successive volte, sono venuta sempre da te nonno, e ho visto un altro crollo…probabilmente eri proprio stanco eh?
E poi Natale, che non era Natale senza le scacciate tue e quella per me mozzarella e prosciutto perchè la tuma non mi piace.
E poi Capodanno, che non lo Γ¨ stato proprio senza essere tutti insieme, ho sempre detto che finisco e inizio l’anno sempre con le stesse persone che so non mi abbandoneranno mai LA MIA FAMIGLIA, quest’anno Γ¨ stato un po diverso, vero Nonnino?
E quel giorno,4 giorni fa, solo 4…..io ero li.
E io so che tu lo sai, perchè mi hai vista, mi hai riconosciuta!
Lo so perchΓ¨ hai alzato le sopracciglia mi hai detto “Gioia!” di nuovo nonostante non riuscissi piΓΉ a parlare, l’hai fatto senza parlare, l’hai fatto con l’espressione del volto.
Io lo so che tu mi hai vista!
E non riuscivo a dirti nulla e quindi ti ho salutato così, mandandoti baci volanti.
Dai piedi del tuo letto…ti guardavo e ti baciavo al volo, come se tanto ci saremmo rivisti di nuovo.
Ti dicevo di stare tranquillo sai? Di non preoccuparti , di stare bene e di stare sereno, ti dicevo di andare.
Sai, ho davvero provato a non piangere a fare quella forte, non so bene perchè, forse perchè piangere significa che mi sto rendendo conto di quello che sta succedendo che è già successo, ma non sono riuscita davvero.
Sono scoppiata in un pianto che sembrava essere senza fine.
Non smettevo e ti guardavo e devo essere sincera Nonno, ciΓ² che ho in mente Γ¨ il tuo “Gioia!” che pregherΓ² all’infinito per non scordarlo mai. Non voglio scordarlo. Non voglio scordarmi la tua voce.
Non abbiamo mai litigato, Mai una volta, forse ogni tanto qualche broncetto, ma tu sei così dolce e buono che, duravano poco.
Cerco di capire cosa devo fare adesso, affrontare la realtΓ .
Capire che non ci sei.
Ho dei sentimenti strani delle emozioni strane sai?
Non le capisco, ma….quando ho paura, sento “Gioia!” So che anche oggi non ho dimenticato e allora va bene.

Arrivederci Nonno.
Te lo dicevo ogni volta che potevo con un abbraccio e un bacio piΓΉ forte, oggi lo scrivo al vento proprio come i miei baci e so che ti arriverΓ .
Ti Voglio Tanto ma Tanto ma Tanto Bene Nonnino Mio.